USB PERSISTENTE DI QUALSIASI S.O.

20 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51
USB PERSISTENTE DI QUALSIASI S.O.

E' un certo tempo che cerco di capire come rendere persistente un QUALSIASI s.o., nello specifico vorrei ricreare quello che ho installato nel mio pc (pclos kde) con le sue configurazione, temi, pannelli, ecc., ma trovo guide tutte o dedicate a Ubuntu (che ha un suo usb creator) o molto diverse fra loro; poi ho trovato il thread http://www.pclinuxos.it/comment/reply/852/6407, che mi pare utile, ma mi rimane un dubbio; si seguita a parlare di pclos E17 persistente e sembra come se fosse l'unico che sia stato reso tale o che sia possibile rendere tale.

DOMANDA:
1) la procedura vale per qualsiasi s.o., o qualsiasi s.o. pclos, o solo per la versione E17 (avete da aggiungere altro a questa guida?);
2) se vale solo per pclos e17, come faccio a creare una usb persistente di QUALSIASI s.o.;
3) posso usare una iso del mio s.o. creata con pclinuxos usb creator per la usb persistente (o con mylive cd o remasterme, non mi è chiaro) per creare la usb persistente?
4) avendo una chiavetta da 16 Gb che partizionamento mi conviene dare per avere il s.o. installato e spazio esterno per archiviazioni varie, tipo una copia della /home del pc?

In definitiva mi sapete indicare come creare una iso del mio s.o. e installarla, con adeguato partizionamento, in una usb persistente?

E' più che sufficiente che mi indichiate dei link specifici, se ne esistono. Per ora mi pare tutto; grazie per l'attenzione.

Ritratto di Genchi
Offline
Last seen: 8 anni 1 mese fa
Iscritto: 26/06/2010 - 01:28

Ciao Mikronimo!
Premetto che non sono un utente molto esperto, quindi prendi con le molle
quello che dico!

Se può servire io i sistemi operativi PCLinuxOS li metto su chiavetta Usb
con il programma “MultiSystem LiveUSB”

Installabile sul pc da qua: http://liveusb.info/dotclear/

Il programma l'ho messo su Ubuntu, non so però se ora c'è una versione
anche installabile su PCLinuxOS.

P.S. Forse potresti usare un disco Live di Ubuntu, da li installare provvisoriamente
“MultiSystem LiveUSB” per fare le chiavette Usb.
Però non so se il sistema funziona, mai provato!

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 6 mesi 4 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

1- 2- Un DE è solo un vestitino che il sistema si mette. Un programma come quello deve poter funzionare in qualunque ambiente.

3- Credo di sì, come detto anche nel thread che hai trovato

4- Bella domanda. Secondo me per il primo tentativo, guarderei cosa succede con una sola.

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

Riporto quanto vien detto riguardo a PCLinuxOS LiveUSB (un pacchetto disponibile nei Repository):

"PCLinuxOS Live USB Creator allows you to place not only the first, or primary Operating System, on your selected partition, but also to add further Operating Systems as space allows.
You can then choose at boot time which version of PCLinuxOS you would like to boot.
It can of course also be used to put your own remaster of PCLinuxOS ona removable drive."

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

RISOLTO: in attesa delle vostre risposte, ho deciso di mettere in moto le rotelle e fare l'esperimento; incredibile, ma: "buona la prima!".
Ho la soluzione e credo che sia valida per qualsiasi sistema operativo; avendo a disposizione due chiavette, una da 4 gb e una da 16 gb, ho proceduto in questa maniera:

1) ho installato pclos kde nella usb da 4 gb, l'ho avviata e installato in essa gparted;

2) ho inserito la seconda (da 16 gb) e avviato gparted, ho creato (sul modello di quanto fatto nell'hd del pc):
a) una partizione / da 5 Gb (arrontondando al gb superiore la quantità usata nell'hd del pc, da 4,7 a 5), come partizione primaria e formattazione in ext4;
b) una partizione estesa della rimanenza, all'interno della quale ho creato una partizione /home da 2 GB (sempre per arrotondamento al gb superiore (da 1,2 a 2 gb), con formattazione ext4;
c) la parte che rimaneva, circa 8 gb, formattata in ntfs, intesa come partizione dati;
d) niente swap.

3) chiuso gparted, ho avviato l'installazione (come si fa di solito per installare nell'hd) con l'utility grafica presente sul desktop e ho seguito la normale procedura, salvo che alla richiesta delle impostazione di partizionamento ho selezionato, da in alto a destra, in quale supporto di memoria farla (lasciando il partizionamento già come preparato in gparted), cioè la chiavetta da 16 gb;

4) seguendo i vari passaggi ho marcato i punti di mount (partizione da 5 gb -> /; partizione da 2 gb -> /home) e fatto formattare tutte e due le partizioni;

5) alla richiesta di dove installare grub ho selezionato la partizione da 5 gb marcata /; è bene prendersi un appunto della sua denominazione come rilevabile in gparted o tenere aperto gparted stesso come riferimento dato che verrà proposta una lista di tutte le partizioni, comprese quelle dell'hard disk del pc ed è ovviamente bene evitare errori (nel mio caso era sdb1). Il resto è esattamente uguale all'installazione tipica da livecd ad hard disk.

Tra installazione, spazio occcupato da programmi extra (libreoffice, gparted, deluge, thunderbird, brasero audacious, pcmanfm e forse un paio di altri che non ricordo) e i file system delle partizioni / e /home, sono quasi 4 Gb, quindi volendo utilizzare l'usb anche per una zona "dati" è il caso di utilizzare una usb più grande.

Ho citato a memoria, ma credo sia tutto. Quindi le cose importanti sono il partizionamento e l'installazione di grub nella giusta partizione; ho fatto l'aggiornamento da synaptic, varie impostazioni, configurazioni ed installazioni, per poi riavviare varie volte; rimane tutto come modificato e il sistema funziona bene, quasi come fosse installato nell'hd; si può notare una marcata lentezza solo per le installazioni (intendo l'applicazione dei cambiamenti: i dati fluiscono nella usb più lentamente che non nell'hd interno, è assolutamente ovvio), ma per il resto non si notano grosse differenze. Alla fine mi ritrovo un s.o. avviabile persistente e trasportabile. Devo dire che dopo svariato tempo di ricerche e domande, la procedura era decisamente più semplice di quello che potevo immaginare. Ciao a tutti.

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

5) alla richiesta di dove installare grub ho selezionato la partizione da 5 gb marcata /
se così fosse la chiavetta non sarebbe avviabile, il grub deve essere installato nel mbr della chiavetta

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Non so che dirti; ho selezionato sdb1 (mi pare), che è la partizione /; a me funziona; comunque per maggiore sicurezza, controllerò i file della /, per vedere dove è installato grub, poi faccio sapere.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Ti confermo la presenza di grub nella / e precisamente nella cartella /boot; nelle varie guide che ho trovato, mi pare di ricordare che infatti grub andasse installato nella /, che contiene l'mbr; vado a memoria e non so se ricordo bene; in ogni caso funziona, ergo...

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

ergo, bisogna stare attenti quando si scrive una specie di guida, una partizione non può contenere il mbr, che è il primo settore del disco, il fatto che funzioni significa che non hai installato il grub nella partizione, ma nel mbr della chiavetta.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Io ho solo postato una "esperienza" personale, dando (al meglio possibile) i dettagli della procedura seguita, senza avere la pretesa di "insegnare" a nessuno una cosa che fino a quel momento non era stato per me possibile capire; mi sono preso il rischio (giusto il tempo perso semmai) di fare un esperimento; ripeto ancora una volta che ho solo selezionato la partizione di installazione di grub da quelle che venivano proposte dall'installer di pclos, cliccando sulla / (sdb1); se poi questo ha, come dici tu, creato/installato l'mbr nella chiavetta, non sono stato io a dirgli come e dove farlo; rimane il fatto che la procedura che io ho seguito ha portato alla creazione di usb persistente di pclos kde, quindi cavillare su dettagli tecnici, che non passano per le mani di chi fa l'installazione, ma che evindentemente vengono gestiti dall'installer, è del tutto superfluo; rimarrebbe da capire se, nel tentare l'installazione da questa, avverrebbe l'istallazione di un s.o. configurato e personalizzato a modo mio; immagino di si, ma è una cosa da provare. Ciao.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 6 mesi 4 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Non capisco bene il problema: evidentemente lo stage1 di grub viene messo nel mbr comunque, anche se si specifica che l'installazione dev'essere fatta in una partizione.

Se poi vogliamo altri sistemi sullo stesso device o su altri device bisognerà modificare il menu.lst. Questo fino a che quello stage1 che punta a quella partizione non venga sostituito.

Questa guida potrebbe chiarire alcuni punti oscuri:
http://guide.debianizzati.org/index.php/Guida_a_Grub
ma, naturalmente, non tutti Sad

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

ti posso garantire che lo stage1 di grub NON viene messo nel mbr se si specifica che l'installazione dev'essere fatta in una partizione, questo tipo di installazione l'ho fatto molte volte poiché pclos non è la mia distro principale

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 6 mesi 4 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Appunto. Quando arrivi con il nuovo sistema il mbr è già occupato e non viene sovracritto. Quando è vuoto invece viene occupato dalla nuova installazione.
Può essere?

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

secondo me no, è più probabile che mikronimo non ricordi bene cosa ha visto, in fondo è facile sbagliare tra sdb e sdb1

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 6 mesi 4 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

A parte che lui sta ripetendo di essere quasi certo di aver selezionato sdb1, quando dico che non tutti i punti oscuri verranno chiariti con una guida, lo dico perché non è la prima volta che ci si intòrta in queste questioni.

Tempo fa, avevo una debian con grub nel mbr.
Metto pclos, gli dico di mettersi lui nel mbr e di aggiornarsi.
Lui parte, trova se stesso e la debian.
Avvio la debian che trova un altro grub (quello della sua partizione che io NON ricordo di aver installato) e parte regolarmente.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Sollevate questioni interessanti, tecnicamente parlando; la mia chiavetta era nuova nuova e la creazione delle partizioni (come descritto dove spiego la procedura che ho seguito) è stata fatta una sola volta, senza rimaneggiamenti successivi; magari aver riformattato tutto in quella maniera ha eliminato il precedente mbr, per sostituirlo nella /boot della sdb1 (nell'elenco delle partizioni proposte c'era anche la sdb5, che è la /home, le varie sda dell'hd interno e anche quelle della chiavetta sorgente di pclos); insomma la lista era lunga; se poi ricordo male ed era sdb invece che sdb1, è un altro fatto, ma a memoria (avendolo fatto una sola volta, e avendo fatto la selezione in pochi istanti dopo aver controllato la lista di partizioni) ricordo come ho detto. Ripeto è un esperimento singolo e il metodo scientifico, perché quella che è una teoria diventi un fatto certo, richiede la ripetibilità, che al momento non ho appurato. Ho in programma di provare la cosa per il s.o. del minipc in cui è installato bodhilinux, con l'unico fatto che quel pc non è avviabile da usb (c'è modo di riuscirci comunque?), quindi magari provo giusto per vedere cosa succede e sperimento il risultato nel pc principale;

Avete idea se il s.o. personalizzato installato nella usb, andandolo ad installare, venga installato modificato?

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

come già detto il MBR è il primo settore di un disco, non viene interessato dalla formattazione.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Rimarrà un piccolo mistero irrisolto... se non ci capite di preciso neanche voi! Magari provo a chiedere nel sito americano, visto mai che qualche sviluppatore legga o venga informato della mia domanda e sappia dire che cosa combina l'installer, se non altro per avere una idea precisa di come funziona.
In merito alle DOMANDE:

1) installabilità del s.o. personalizzato nella usb, come fosse un livecd;
2) avviabilità da chiavetta del minipc, che ora non lo permette;

cosa mi sapete dire?

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 6 mesi 4 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Che non ci capisca io non fa tanta meraviglia, dopotutto.

1- Non capisco perché non dovrebbe portarsi dietro le personalizzazioni che gli hai dato per quanto riguarda il software, cioè localizzazione, temi etc.
Altro discorso è per l'hardware per il quale nella rimasterizzazione c'era una scelta fra mantenimento della definizione o in alternativa ri-riconoscimento dell'hardware.
Se ci sia anche per l'usb non lo so

2- Se l'avvio da usb non è previsto nel bios, mi sa che puoi lasciar perdere

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Mi ero dimenticato del tuo post, quindi anche se in ritardo, grazie; l'ho provato con bodhilinux (che ho usato per avere la peristenza, insieme a systemrescuecd, gparted e clonezilla), che essendo basato su ubuntu ha perfettamente digerito il programma, anche con una procedura particolare; vale a dire che ho usato i comandi per aggiungere il ppa e il programma e siccome non accettava i rimanenti (ho seguito la guida di lffl, che avevo già visto tempo fa, ma di cui non mi ero ricordato); poi ho controllato su synaptic (che ora lo caricava) e l'ho installato; proprio una bella soluzione; in merito alla versione per pclos, non credo che esista, ma con una live di una qualsiasi versione ubuntu si può rimediare; ora dovrei trovare un programma per rendere avviabile il mini pc da usb (altrimenti proverò a mettere il tutto in dvd-rw); esiste un programma che però gira in Win e per ora non ho trovato una versione linux, se qualcuno avesse notizie in merito, sarei grato di avere informazioni.