Problemi con GAG e Fedora

10 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Ritratto di francesco bat
Offline
Last seen: 1 anno 3 mesi fa
Iscritto: 20/11/2011 - 02:46
Problemi con GAG e Fedora

dopo l'uscita di Fedora 21, sto cercando da giorni di installarlo su sdb2.
La procedura va bene, ma non riesco più ad installare il grub nella partizione di Fedora (sdb2).
La procedura funziona ma alla fine il gag non riesce ad abìvviarlo in quanto finisco sulla schermata del grub di fedora con la scritta: grub:>
Essendo che trovo molto utile il gag che gestisce tutti i bootloader (pclinuxos e fedora), mi darebbe un sacco di fastidio affidare tutto ad un solo bootloader come quello di Fedora.
Se dal bios inverto le priorità dei dischi, parte Fedora con il grub, quindi funziona.
Leggendo qualche post in giro sembra che si è cercato di annullare la possibilità di installare il grub nelle partizioni (sdb1, sdb2 ecc.) per una questione di sicurezza.
Qualcuno è gia al corrente di questo ?
Ciao
Francesco bat

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 1 anno 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Sicurezza di che?

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 3 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

Avevo già parlato (tempo addietro, più o meno a partir dai miei ultimi giorni al Forum Majorana) della cosa.
Il punto è che è difficile capire che scelte bisogna fare per far sì che Fedora (ma la cosa vale per quasi tutte le "distro" GNU/Linux: PCLinuxOS è, anche sotto questo punto dio vista, un'isola felice!) installi il suo GRUB2 nella Partizione di ROOT (di Fedora medesima).
All'epoca, avevo indicato una via che consentiva di porre rimedio alla cosa. C'era da far ricorso alla "riga di comando", naturalmente.
Rammento i comandi che funzionava per UBUNTU (il quale presentava lo stesso problema che ora tu lamenti per Fedora).
Ma mi ricordo di aver testato la cosa anche per Fedora... e i comandi in questiione NON funzionavano affatto!
Girandoci un po' attorno, ho poi capito che funzionavano, invece... ma bisognava scrivere "grub2" laddove (per UBUNTU) andava scritto semplicemente "grub".
Ecco i comandi che avevo indicato per il caso di UBUNTU:

"1) sudo grub-setup --force /dev/sda2 (questo, ammesso che la Partizione di ROOT in cui si trova il tuo UBUNTU sia proprio sda2: se fosse invece -putacaso- sda6, dovresti scrivere: sudo grub-setup --force /dev/sda6. Insomma, devi stare bene attento a indicar correttamente la partizione di ROOT in cui si trova il tuo UBUNTU!);
CONSEGUENZE: ti verrà chiesta la password e poi, dopo che l'avrai data, inizierà l'operazione. Interverranno svariati allarmi e avvisi allarmati, ti apparirà che è sconsigliato far quel che vuoi fare e, alla fine, avrai la chiara e netta sensazione che tutto quanto l'ambaradan sia andato a carte e quarantotto e che il sistema si sia rifiutato di far quel che gli hai chiesto. Infischiatene e procedi, a quel punto (non prima!) col secondo comando;

2) sudo update-grub
Naturalmente, se -com'è prevedibile-. già hai l'autorità (acquisita dando il comando precedente, se non hai chiuso nel frattempo il Terminale), non serve scriver "sudo" una seconda volta. Se, invece, per errore, al termine delle operazioni relative al primo comando, hai chiuso il terminale, DEVI digitare anche la parola "sudo".
CONSEGUENZE: la configurazione del tuo GRUB2 viene aggiornata e tutto quel che serve per un corretto funzionamento viene messo a punto (nella Partizione di ROOT)."

Ed ecco la variante per il tuo caso specifico (con Fedora):

"1) # grub2-setup --force /dev/sdb3 (questo, ammesso che la Partizione di ROOT in cui si trova il tuo UBUNTU sia proprio sda2: se fosse invece -putacaso- sda6, dovresti scrivere: sudo grub-setup --force /dev/sda6. Insomma, devi stare bene attento a indicar correttamente la partizione di ROOT in cui si trova il tuo UBUNTU!);
CONSEGUENZE: ti verrà chiesta la password e poi, dopo che l'avrai data, inizierà l'operazione. Interverranno svariati allarmi e avvisi allarmati, ti apparirà che è sconsigliato far quel che vuoi fare e, alla fine, avrai la chiara e netta sensazione che tutto quanto l'ambaradan sia andato a carte e quarantotto e che il sistema si sia rifiutato di far quel che gli hai chiesto. Infischiatene e procedi, a quel punto (non prima!) col secondo comando;

2) # update-grub2
Naturalmente, se -com'è prevedibile-. già hai l'autorità (acquisita dando il comando precedente, se non hai chiuso nel frattempo il Terminale), non serve loggarsi come ROOT una seconda volta. Se, invece, per errore, al termine delle operazioni relative al primo comando, hai chiuso il terminale, DEVI nuovamente loggarti come ROOT (cosa che si ottiene digitando "su" e poi fornendo la password di root)..
CONSEGUENZE: la configurazione del tuo GRUB2 viene aggiornata e tutto quel che serve per un corretto funzionamento viene messo a punto (nella Partizione di ROOT)."

In realtà, ti confesso che -essendo passato del tempo- non sono certo del fatto di averti riportato esattamente il PRIMO (o il SECONDO) dei due comandi (per cui provali magari entrambi), ossia se il comando "# grub2-setup --force /dev/sdb3" non risponde come atteso, prova a rigarlo scrivendo "grub" in luogo di "grub2". Analogamente, se vedi che il comando "# update-grub2" non dà gli esiti sperati, prova con il comando: "# update-grub"

Dopo aver fatto questo, ti troverai che seguita a partirti Fedora (non hai affatto sbagliato: è normale che accada così, , dato che Fedora ha cancellato GAG dall'MBR per installarci in cambio il suo GRUB2).
Per rimediare, procedi a reinstallare GAG (ponendolo sull'MBR), così da sovrascrivere il GRUB2 che Fedora s'era installato -di frodo!- sull'MBR. Naturalmente, imposta -com'è giusto- GAG per avviar le varie distro installate sull'Hard Disk, incluse PCLinuxOS e Fedora.

Fatto anche questo, avvia tranquillamente, come al solito, tramite GAG. Vedrai che sei in grado di avviare tutto, inclusa Fedora (è vero che hai cancellato il suo GRUB2 posto sull'MBR, ma prima ne avevi "traslocato una copia" nella Partizione di ROOT... ed è proprio tale copia che GAG va ad individuare e ti avvia.

PS1: il simbolo "#" indica che il comando in oggetto dev'essere dato "come ROOT".
PS2: Buon Natale!

Ritratto di francesco bat
Offline
Last seen: 1 anno 3 mesi fa
Iscritto: 20/11/2011 - 02:46

Il fatto è che io ho eseguito la procedura descritta sopra con il comando grub2 gia da varie versioni di Fedora precedenti compresa la versione di fedora 20.
Ora però sembra non funzionare proprio più Sad
La guida eseguita, differentemente dal wiki di ubuntu, io ho eseguita questa (anche con le versioni precedenti di fedora):
http://fedoraproject.org/wiki/Features/Grub2#From_a_DVD_with_Anaconda
e alla fine il comando:
grub2-install --force /dev/sdb2
(la partizione dove devo installare fedora infatti è sdb2).
Ma alla fine fallisce inesorabilmente l'avvio, pena il cambio del boot degli hard disk dal bios spostando sdb al di sopra di sda per far partire il grub di Fedora ma che annulla appunto il gag.
L'unica funzione che non ho eseguito è stato: update-grub2
Ma mi sembra strano perchè con le versioni precedenti di Fedora non lo avevo mai fatto eppure funzionava lo stesso.
Posso riprovare così.
Nel frattempo date un occhiata a questo post:
http://forum.fedoraonline.it/viewtopic.php?id=23119
Ora magari testo con update-grub2.
Se non funziona penso che userò fedora 21 solo su virtualizzazione e forse lo sostituisco o con slackware o openmamba.
Ciao
Francesco bat

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 3 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

Prova a fare il tentativo che ti ho detto (se non funzionasse con "update-grub2", tenta anche con "update-grub").

PS: non ti scordar di reinstallare e configurar daccapo GAG (salvandolo sull'MBR), dopo l'avvenuta operazione.

Ritratto di francofait
Offline
Last seen: 3 anni 5 mesi fa
Iscritto: 31/03/2012 - 02:01

in Fedora21 hai disponibile per l' istallazione dalle sue repostri la sua versione di grub-customizer

da yumex lo cerci lo installi , lo avvii e risolvi il problema alla radice, senza ingrullire.
Grub-Customizer non è un esclusiva per il SO di Ubuntu , è attualmente disponibile per tutte le distribuzioni , incluse Fedora Mageia , OpenMandriva ,OpenSuse , Archlinux , Gentoo e tutte le relative derivate , anche in pclinuxos con grub2 volendo è supportata la versione grub-customizer di mageia scaricabile da rpmfind.net ed installabile tramite rpm-installer di pclinuxos

Ritratto di francesco bat
Offline
Last seen: 1 anno 3 mesi fa
Iscritto: 20/11/2011 - 02:46

Grazie a tutti x le risposte.
Non vi ho risposto subito perchè ho fatto vari test sotto i vostri consigli più qualcosa del mio sacco Smile
Allora...
grub-customizer si blocca e non procede per il salvataggio delle nuove impostazioni, quindi continua a rimanere tutto così.
Ho fatto un test assurdo: ho avviato la live di fedora 20 e gli ho installato il grub da li sulla versione 211, ma niente.
Sembra che proprio il nuovo sistema si rifiuta di accettare il grub nella partizione della distro ma lo vuole solo su sdb o sda.
A questo punto: addio Fedora !
Ora ho gia partizionato sdb2 come partizione estesa e ho creato: sdb5 sdb6 sdb7 ed sdb8 (che ora riaccorpo con sdb7).
sdb5: openmamba
sdb6: absolute linux
sdb7: Fedora per ora che a breve rimuovo a favore di pinguyos (sempre da testare).
Questo è tutto; mi spiace x fedora, era una bella distro ma questa cavolata di imporre l'installazione a tutti i costi su sdb, a me non è piaciuta proprio; vuol dire che ccontinuerò ad usarlo da pclinuxos virtualizzato con vmware player Smile
Ciao
Francesco bat

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 3 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

Non posso che essere d'accordo con quel che tu hai già deciso.
Di fatto, una "distro" che impone di installare sull'MBR il proprio GRUB mi par sia un poco affetta da "bullismo" (a danno di altre distro, intendo dire). In quanto a me, io rimango persuaso che ogni singola "distro" installata dovrebbe venir avviata soltanto e unicamente dal suo propriuo boot-loader... con un boot-manager (liberamente scelto dall'Utente e totalmente scollegato da qualsivoglia "distro" esistente o immaginabile) ad avviar, secondo i desideri dell'Utente, di volta in volta, questa o quella particolare "distro" scelta fra quella installate.
GAG, sia per i Sistemi a 32-bit che per quelli a 64-bit, risponde a perfezione a tali criteri, consentendo -inoltre- di installare e di avviare a propria scelta anche le principati versioni esistenti di BSD [per esempio: OpenBSD, NetBSD, FreeBSD, DragonFlyBSD e PC-BSD] e, vantaggio ulteriore, anche svariati altri Sistemi UNIX,- il che lo rende ai miei occhi molto prezioso e, per certi versi, irrinunciabile.
Anch'io, se non mi vien concesso di installare GRUB (o GRUB2 che sia) almeno nella "Partizione di ROOT", rispondo sempre rinunciado a utiulizzare tale distro e abbandonandola per sempre.
Fedora, in verità, l'avevo già lasciata da un pochino, semplicemente perchè non mostra di aver quelle caratteristiche che più tendo a apprezzare in una "distro" (in particolare, non è per niente "rolling"). Ma se la stessi usando ancora adesso, l'abbandonerei all'istante, se non mi consentisse di installare il suo GRUB nella "partizione di root" liberamente.
Infinitamente migliore (maggiormente votato a rispettar le libere scelte degli Utenti) è PCLinuxoS, il quale non solo consente di installar liberamente GRUB nella Partizione che più si desidera, ma consente -e con pieno successo, debbo rilevare, in base all'esperienza mia personale ormai di anni- di installar sin dall'inizio GRUB su di un floppy-disk e di avviar così tutto il Sistema (senza nessun bisogno di installare GRUB nell'HD).

Chiudo con una considerazione ulteriore (te la fornisco nel caso tu volessi ritentare un'altra volta a "traslocare" il GRUB2 di Fedora dall'MBR alla Partizione di ROOT di Fedora medesima). Ti avevo scritto di tentare (da root) "update-.grub" oppure "update-grub2"... Bene, ho appena scoperto che gli Sviluppatori di Fedora hanno cambiato il comando in questione. A quanto pare, quello giusto da dare, adesso, è il seguente:
grub2-mkconfig

... giusto per complicare un poco la vita a noi poveri Utenti.

Ritratto di francesco bat
Offline
Last seen: 1 anno 3 mesi fa
Iscritto: 20/11/2011 - 02:46

monsee wrote:
Non posso che essere d'accordo con quel che tu hai già deciso.
Di fatto, una "distro" che impone di installare sull'MBR il proprio GRUB mi par sia un poco affetta da "bullismo" (a danno di altre distro, intendo dire). In quanto a me, io rimango persuaso che ogni singola "distro" installata dovrebbe venir avviata soltanto e unicamente dal suo propriuo boot-loader... con un boot-manager (liberamente scelto dall'Utente e totalmente scollegato da qualsivoglia "distro" esistente o immaginabile) ad avviar, secondo i desideri dell'Utente, di volta in volta, questa o quella particolare "distro" scelta fra quella installate.
GAG, sia per i Sistemi a 32-bit che per quelli a 64-bit, risponde a perfezione a tali criteri, consentendo -inoltre- di installare e di avviare a propria scelta anche le principati versioni esistenti di BSD [per esempio: OpenBSD, NetBSD, FreeBSD, DragonFlyBSD e PC-BSD] e, vantaggio ulteriore, anche svariati altri Sistemi UNIX,- il che lo rende ai miei occhi molto prezioso e, per certi versi, irrinunciabile.
Anch'io, se non mi vien concesso di installare GRUB (o GRUB2 che sia) almeno nella "Partizione di ROOT", rispondo sempre rinunciado a utiulizzare tale distro e abbandonandola per sempre.
Fedora, in verità, l'avevo già lasciata da un pochino, semplicemente perchè non mostra di aver quelle caratteristiche che più tendo a apprezzare in una "distro" (in particolare, non è per niente "rolling"). Ma se la stessi usando ancora adesso, l'abbandonerei all'istante, se non mi consentisse di installare il suo GRUB nella "partizione di root" liberamente.
Infinitamente migliore (maggiormente votato a rispettar le libere scelte degli Utenti) è PCLinuxoS, il quale non solo consente di installar liberamente GRUB nella Partizione che più si desidera, ma consente -e con pieno successo, debbo rilevare, in base all'esperienza mia personale ormai di anni- di installar sin dall'inizio GRUB su di un floppy-disk e di avviar così tutto il Sistema (senza nessun bisogno di installare GRUB nell'HD).

Chiudo con una considerazione ulteriore (te la fornisco nel caso tu volessi ritentare un'altra volta a "traslocare" il GRUB2 di Fedora dall'MBR alla Partizione di ROOT di Fedora medesima). Ti avevo scritto di tentare (da root) "update-.grub" oppure "update-grub2"... Bene, ho appena scoperto che gli Sviluppatori di Fedora hanno cambiato il comando in questione. A quanto pare, quello giusto da dare, adesso, è il seguente:
grub2-mkconfig

... giusto per complicare un poco la vita a noi poveri Utenti.

Ah ecco...
Allora faccio l'ultimo tentativo con grub2-mkconfig
Ho appena scariicato pinguys os e appena testato con successo.
Mi dispiace rimuovere fedora, apprezzo molto come distro ma se non risolvo neanche così purtroppo sono costretto.
In alternativa volevo una distro con gnome 3 e gnome shell (ma no direttamente linux mint, ubuntu, debian, open suse ecc. ma qualche distro personalizzata o minore).
Mi fa piacere gnome shell perchè non usandola spesso, ogni tanto e piacevole utilizzarla Smile
Ciao
Francesco bat

Ritratto di francesco bat
Offline
Last seen: 1 anno 3 mesi fa
Iscritto: 20/11/2011 - 02:46

Niente da fare !
Alla fine ho rimosso Fedora e installatola in virtualizzazione con xfce, così posso ancora usarla qualche volta senza dare problemi agli altri sistemi.
Invece al posto suo su partizione sdb2 estesa in 3 logiche ho realizzato:
sdb5: Openmamba
sdb6: Slackware
sdb7: PeppermintOS
Una curiosità: Openmamba kde, Slackware kde e xfce + altri windows manager, PeppermintOS Lxde e ho installato a parte gnome shell portandosi dietro una parte di gnome ininfluente alle prestazioni di sistema che rimangono eccezionali.
Questo e tutto.
Buone feste a tutti Wink
Ciao
Francesco bat