Servizio di storage cloud gratuito per utenti pclinux

10 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Ritratto di footstep11
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: 31/01/2013 - 11:01
Servizio di storage cloud gratuito per utenti pclinux

Sull'ultimo numero di PCLinix Magazine c'e' un articolo che descrive come attivare un servizio di cloud storage (del tipo dropbox) gratuito per gli utenti di pclinux. Si chiama PCLOS-Cloud e mette a disposizione 5GB.

Istruzioni complete (in inglese) alla pagina:

http://pclosmag.com/html/Issues/201412/page05.html

Una avvertenza: io non l'ho provato...

Ciao, Mauro

Ritratto di dxgiusti
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: 22/01/2013 - 17:30

io sono due giorni che aspetto la mail di conferma....... comunque non ho premura e visto che è gratis, aspetto.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 4 ore 28 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Ma in pratica che cosa c'è di differente fra un cloud e un normale accesso ftp a uno spazio in cui ho messo dei file?
Io ho sempre tenuto in remoto dei backup della roba che mi interessa in modo fa poterla editare da dove più mi conviene.
Di tanta roba non ho mai neanche avuto una copia in locale.

Quindi non capisco, c'è qualcosa che mi sfugge.

Insomma, se la differenza sta solo nella possibilità di un backup remoto, perché chiamarlo cloud e farla tanto puzzolente?
Se invece c'è differenza nelle applicazioni usate per editare i file (sempre che ce ne sia la possibilità e di solito non sembra), che usando quelle residenti in remoto si ha meno traffico di dati, la contropartita è appunto che il mio programma è settato come lo voglio io e non come lo vuole chissà chi.
Giusto?

Ritratto di dxgiusti
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: 22/01/2013 - 17:30

eh eh, sai che bello postare un link di una guida o simile a qualcuno e quando lo apre legge PCLINUXOS, sai la gente è curiosa......, comunque mi hanno scritto che hanno qualche problema, gli ho mandato i miei dati e me l'attivano loro manualmente. grandi questi americani pclinuxxiani. dovrò ricordarmi a natale anche di loro.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 4 ore 28 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Ah beh se è per questo apriamo tutti un account e sbattiamoci
- cartoline di pinup con gli auguri di natale
- tutti i link possibili a polemiche cruente contro
- - il software proprietario
- - i socialnetwork
- - la criminalità organizzata
- - i fondamentalisti di qualsiasi risma e credo
- - una classe politica allo sbando
- varie ed eventuali purché divertenti
ma tutto questo non risponde alla domanda: perché chiamare cloud una copia vulgaris?

Ritratto di footstep11
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: 31/01/2013 - 11:01

zafran wrote:
Ma in pratica che cosa c'è di differente fra un cloud e un normale accesso ftp a uno spazio in cui ho messo dei file?

Google e' tuo amico... Wink
Inserendo 'differenza cloud ftp' questo e' il primo risultato:

http://www.fabionatalucci.it/cloud-google-drive/

Cosi' ho imparato qualche cosa anche io...

Mauro

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 4 ore 28 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

sincronia. Il
servizio aggiorna in maniera automatica tutti i
dispositivi associati al tuo account Cloud,
inviando la foto appena scattata e quindi
permettendo per esempio a chi è dall'altro lato
del mondo di vedere la tua foto in maniera
istantanea.

È questa parte che proprio non capisco. Cosa vuol dire?

Ritratto di footstep11
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: 31/01/2013 - 11:01

Secondo me tu intendi il cloud SOLO come sistema di backup: per un qualche motivo un file sul mio dispositivo diventa corrotto, allora lo recupero dal backup.

Ma il cloud e' qualche cosa di piu': permette la sincronizzazione di cartelle tra dispositivi diversi in tempo reale: prova a pensare che sei un venditore e che il listino si trova sul server della casa madre. Ti trovi fuori sede ed hai bisogno del listino aggiornato. Nel caso di un server ftp quello che dovresti fare e': collegarti al server centrale, muoverti all'interno del server per cercare il listino, copiarlo sul tuo dispositivo.
Nel caso invece del cloud, tu hai sul tuo dispositivo una cartella che vedi come se fosse locale. Premi su sincronizza, ed immediatamente la cartella locale si copia il listino aggiornato. E se i venditori sono mille, per la casa madre basta mettere il listino aggiornato nel cloud, per avere tutti i dispositivi dei venditori aggiornati.

Se i due dispositivi sono il tuo portatile ed il tuo desktop di casa, con il cloud puoi avere i due dispositivi sincronizzati in tempo reale (quindi una sorta di backup) senza che tu faccia nulla. Una volta che hai deciso quale cartelle sincronizzare (ad esempio, documenti), allora una modifica di un file o la creazione di un file vengono propagate sull'altra macchina in maniera trasparente. E questa e' veramente una grande comodita'.

Il grosso problema e' quello della sicurezza (vedi il caso delle foto delle dive di un mese fa), e del fatto che ti serve la rete. Se, per un qualche motivo, la rete non funziona, non hai accesso al backup.

Spero di essere stato chiaro.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 4 ore 28 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Ok, chiarissimo.

Solo che la domanda mi si è trasformata: davvero ci sono persone che fanno questo?
Quanti hanno mille venditori a cui aggiornare un listino tanto pesante da non poter essere scaricato in tempo utile?

Io non ce l'ho e l'idea di qualcuno che mi mette le mani in un computere senza la mia attenta e continua supervisione mi fa venire gli urti di stomaco.

Ritratto di footstep11
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Iscritto: 31/01/2013 - 11:01

Sono piu' che d'accordo con te. Infatti i problemi con le foto 'rubate' e' stato proprio dovuto a questo. La persona (in questo caso l'attrice) si e' fatta delle foto 'private' con il telefono e voleva mandarle al proprio partner. Le ha messe sul cloud ed il partner se le e' trovate immediatamente sul proprio telefono. Semplice, e senza bisogno di ftp con utente/password, trova il file, copia, avverti l'altra persona che c'e' la foto, lui deve collegarsi via ftp con utente/password, trovare il file, copiarselo sul proprio telefono, e finalmente vedersela.

E' successo pero' che non ci fosse una protezione sul cloud per attacchi brute-force (quelli della apple hanno ora risolto). Quindi l'hacker e' riuscito ad entrare su account con password deboli (tanto, chi vuoi che si metta a cercare le mie foto...) ed ha copiato migliaia di foto/film compromettenti.

Io non userei mai un cloud, ma posso capire che persone che fanno fatica ad accendere un computer possano trovarsi bene con questo tipo di soluzione (sono le stesse persone che hanno in mano un iphone quadcore e lo usano per giocarci a tetris...).

Mauro