Partizionamento dettagliato

16 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51
Partizionamento dettagliato

Da che uso Ubuntu (e anche ora che uso pclos) ho sempre partizionato separatamente /, /home e /swap, ma è sempre rimasto il problema che nel caso estremo di dover reinstallare tutto il s.o., che va nella /, i programmi installati vanno comunque persi, pur salvandosi le configurazioni e i file personale che stanno nella /home.

DOMANDA: mi pare di aver capito che i programmi vadano nella /usr; se non ho capito male, e normalmente la partizione / la faccio sui 10 Gb, separando da essa la /usr, quest'ultima di quanto dovrei farla? Sarebbe conveniente avere altre parti della / separate? Di quali misure? Ciao e grazie come sempre per l'attenzione.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Dimenticavo: è possibile modificare il partizionamento (creando la /usr ed eventuali altre) senza rifare l'installazione?

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

No, non lo credo. Non puoi modificare la Partizione di ROOT (la /usr ne fa parte a pieno titolo, di norma) senza andarti a incasinare il Sistema. Se vuoi modificare la Partizione di ROOT, la miglior cosa è quella di reinstallar da zero.
Normale che, cambiando la versione (in seguito ad un Aggiornamento di Vestione dell'SO), i Programmi vengan "persi":i cambiamenti, difatti, posson essere tali che certi Programmi prima supportati adesso non lo siano più (e viceversa).
I Programmi, poi, vanno, sì, in /usr, ma non completamente e non tutti. Salvando la /usr NON si salvano i Programmi installati, per intenderci.
Non funziona, insomma, come per le configurazioni che stanno nella Partizione HOME.

Per gusto mio, tendo ad adottar misure più grandi di quelle che hai indicato tu.
Per la Partizione di ROOT, generalmente, scelgo una "stazza" compresa fra i 19 e i 33 Gb (dipende molto dalla "distro").
Per la Partizione HOME, in genere, scelgo una stazza inclusa fra i 16 e i 19 Gb.
Alla Partizione di SWAP assegno in ogni caso "il doppio della RAM" (ad esempio, se la RAM è 4 Gb, assegno 8 Gb di SWAP).
Infine, io creo sempre una Partizione per i DATI, dentro la quale poter conservare quel che mi sta a cuore anche in caso di formattazione.

Naturalmente, si può installare la /usr in una Partizione diversa rispetto alla /
... ma non so dirti esattamente quali percentuali di spazio riservare all'una e quali all'altra. Né riesco a immaginar precisamente a che mai servirebbe, dato che, anche così, non è che "salveresti tutti i programmi installati", cambiando la versione della "distro".

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Peccato... mi credevo di aver pensato una genialata, ma sospettavo chemi mancasse qualche informazione, dato che una soluzione del genere non è mai stata segnalata; quindi la soluzione rolling, affiancata ad un back-up, rimane la soluzione ideale; su ubuntu avevo una / di circa 15 Gb, ma prova questo, prova quello, avevo un mare di cose; ora con pclos (con tutto quello che mi serve e buon margine per sperimentare, con appunto circa 10 Gb), sono occupati 4,7 Gb, di cui 2,7 di /usr. Ciao e grazie.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 2 giorni 57 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Calma.
Niente ti vieta di copiare tutta /usr o /bin o addirittura /sbin in un'altra partizione e farle montare al posto giusto da fstab.
Naturalmente la cosa andrebbe fatta con attenzione (p.e. facendo la copia da un sistema esterno in modo da operare su un sistema tutto smontato).

A me personalmente non è mai piaciuto molto neanche avere la /home esterna, figuriamoci le altre. Ma questo è questione di gusti e di opportunità.

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

Quello che hai scritto è vero, Zafran.
Ma non mi è molto chiaro a che possa servire (all'Utente) una tal cosa... Dopo di che, ciascuno, sul proprio PC, ci fa quel che gli pare...

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 2 giorni 57 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Esattamente

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Certamente, ma se non risolvo il "problema" di non dover reinstallare i programmi, mi pare chiaro che non serva ad un granché; preservare le configurazioni nella /home già è qualcosa; se non so di preciso quanto spazio può servirmi per le varie mini-partizioni (cosa di cui posso pure prendere nota adesso, per esempio, con il sistema in uso, e poi usare come riferimento) e per stare sicuro di non essere "corto", rischio solo di sprecare spazio; con ubunto anche ne avevo 10 di Gb, ma poi mi si era riempita, così ho allargato a 15 (ma ho poi visto che pclos ne spreca meno di spazio), "rubandone" 5 da Win.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 2 giorni 57 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Ma non puoi fare un click destro sulla directory e vedere quanto è grande?

Ancora più semplice:
# du -hs /usr

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

serve solo a incasinarsi ulteriormente, specialmente se non si è molto esperti

Ritratto di monsee
Offline
Last seen: 1 mese 2 settimane fa
Moderatore
Iscritto: 16/09/2009 - 12:34

NON ti serve avere i programmi.
Quel che ti serve è semplicemente avere l'elenco dei Pacchetti installati.
Così da poterli re-installare facilmente (semplicemente, da Synaptic) dopo l'avvenuto "aggiornamento di versione" del tuo Linux.
Insomma, quel che ti serve è semplicemente la lista completa del vari "pacchetti" installati sul tuo Linux.
Il reinstallarli daccapo farà "miracolosamente" ricomparir le varie icone sul desktop (dato che le impostazioni personalizzate stanno nella Partizione HOME e non saranno andate perdute). E non avrai problemi di compatibilità, giacché eventuali pacchetti divenuti incompatibili NON saran più disponibili in Synaptic.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

Questa cosa, me lo hai ricordato tu, non mi è nuova: intendi da dentro synaptic -> file -> leggi marcature come... (si mette il nome che si vuole) e questo crea un fila (uno script da quello che vedo) in cui sono elencati tutti i programmi attualmente installati che in caso di reistallazione lo si fa leggere ma con la voce -> leggi marcature? Ottima soluzione, che porterà via del tempo ma in automatico, quindi amen. Grazie davvero, mi ero dimenticato di questa cosa, che credo di aver letto sul Majorana un paio di anni fa, quando di linux ne capivo anche meno di adesso, il che è tutto dire.

Ritratto di mikronimo
Offline
Last seen: 4 anni 7 mesi fa
Iscritto: 20/08/2011 - 11:51

L'ho detto un pò più sopra: ora come ora mi occupa 2,7 Gb su 4,7 occupati in totale della partizione / che è un pò più di 10.

Ritratto di ernstfree
Offline
Last seen: 2 anni 10 mesi fa
Iscritto: 09/08/2011 - 16:02

Come spesso dico, aggiungo una mia solita banalità:
io da sempre, per i desktop da casa (uno degli scopi di PCLinuxOS!), faccio solo un'unica partizione radice "/" e una swap (solito doppio della RAM). Questo consente di evitare errori vari di formattazione delle partizioni, calcoli di spazi che non fanno altro che creare sprechi di hard disk. Quando devo reinstallare (meno possibile), copio tutta la home e poi mi ripesco le impostazioni dei programmi che mi servono (es. .mozilla, .thunderbird, .gimp, ecc...).

Ernst

Ritratto di patel
Offline
Last seen: 3 anni 6 mesi fa
Moderatore
Iscritto: 03/11/2007 - 07:31

uso lo stesso tuo metodo, eccetto che per la swap, la regola swap = 2 ram è vecchia, risale ai tempi un cui 256 Mb di ram erano già un lusso, ora sarebbe sciocco con 2 Gb di ram avere una swap di 4 Gb, ne basta 1 o al max 2 se si usa l'ibernazione.

Ritratto di zafran
Offline
Last seen: 2 giorni 57 min fa
Moderatore
Iscritto: 16/06/2008 - 16:10

Quoto patel paro paro.

Su come copiare una home (e non solo quella) per recuperarla in un nuovo sistema si discusse qui ai tempi del passaggio dalla 2007 alla 2009.