Un Macello....

25 posts / 0 new
Ultimo messaggio
Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010
Un Macello....

Ciao amici!
Ieri siccome PCLinuxOS occupava l'intero disco, gli ho ridotto della metà
lo spazio che occupava, ricavando così metà disco libero non partizionato
per metterci Ubunto 10.10. (mi serviva per fare le chiavette Usb multi-boot)
Acceso e spento varie volte il pc, usato per ore, costatando che era andato
tutto bene, PCLinuxOS continuava a funzionare correttamente.
Vado allora ad installare nello spazio che avevo liberato sul disco Ubuntu 10.10
Plus-6 Remiz 32 bit (prelevato da sito Ist. Majorana), mettendolo nello spazio libero
a fianco di PCLinuxOS Gnome in Dual-Boot, non l'avessi mai fatto!!!
Inizia un incubo, quando al termine dell'installazione vado a spegnere Ubuntu, dopo
una fase iniziale si blocca, spengo a mano, sto scherzo però lo faceva anche nelle prove
live.
Al riavvio compare un menu con molte voci dove PCLinuxOs non c'è più, si apre
in automatico Ubuntu, vado a vedere con GParted dove si è installato Ubuntu, vedo
che occupa la parte che avevo liberato, nella sua partizione primaria noto / e la scritta
Boot, inoltre nella partizione estesa ha creato una sua autonoma Swap.
PCLinuxOS ha ancora la sua swap, ma nella partizione primaria è sparito / e la
scritta boot.
Accendo e spengo (ora si spegne correttamente) ma funziona solo Ubuntu, PCLinuxOs
non compare nel menu del dual-boot per essere selezionato.
Metto allora il disco live di PCLinuxOS, e con GParted spiano Ubuntu dalla parte del
disco che occupava, ma al riavvio non compare PCLinuxOS, ma solo schermo nero e la
scritta grub.
Piallo tutto, installo nella prima metà del disco Seven in dual-boot con Ubuntu 10.10
dell'istituto Majorana, dopo vari aggiustamenti il dual-boot sembra funzionare, mentre
Ubuntu presenta vari difetti.
Vengo al dunque, in un'installazione dual-boot PCLinuxOS + Ubuntu, va forse installato
nella prima parte del disco Ubuntu ?
Perché nel mio disco c'era nella prima parte PCLinuxOS!!!

Ritratto di bebolinux
Offline
Joined: 10/12/2008

ubuntu da poco usa grub2 come boot loader, pclos uga grub1.questo crea problemi di dual boot. Non conosco a fondo il problema ma sde cerchi nei forum è un problema noto

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

Ciao Bebolinux!
Quindi in generale non è possibile fare dei dischi
multi-boot, tra distribuzioni con Grub 1 e Grub 2.
Questo discorso vale anche per dischi multi-boot
tra distribuzioni che hanno Lillo e Grub ?

P.S. Qualcuno sa per caso se si può aggirare l'ostacolo
con boot da Swap, come si vede su certe distribuzioni
russe ?

Ritratto di patel
Offline
Joined: 03/11/2007

E' possibile, io utilizzo grub1 e avvio parecchie distro tra cui Ubuntu 10.10, la posizione della partizione non ha importanza, riprova a installare prima Ubuntu e poi Pclos.
il mio menu.lst è questo:
default 0
timeout 10
#splashimage=(hd0,14)/boot/grub/splash.xpm.gz

title Ubuntu 10.10
kernel (hd0,10)/boot/grub/core.img

title Windows
root (hd0,0)
makeactive
chainloader +1

title Mint 10
kernel (hd0,5)/boot/grub/core.img

title Opensuse
configfile (hd0,9)/boot/grub/menu.lst

title Arch Linux
root (hd0,8)
kernel /boot/vmlinuz26 root=/dev/sda9 ro
initrd /boot/kernel26.img

title Fedora 13
configfile (hd0,11)/boot/grub/grub.conf

title Puppy 51
root (hd0,12)
kernel /puppy51/vmlinuz pmedia=satahd psubdir=puppy51
initrd /puppy51/initrd.gz

title PartedMagic 5.0
root (hd0,12)
kernel /pmagic/bzImage load_ramdisk=1 prompt_ramdisk=0 rw loglevel=0 keymap=it
initrd /pmagic/initramfs

Ritratto di zafran
Offline
Joined: 16/06/2008

Complimenti, un casino così non l'avevo mai visto.

Se ti leggi quanto ho scritto io ultimamente (http://www.pclinuxos.it/node/824 )dovresti trovare qualche idea.
Patel ti ha dato il suo menu.lst per far partire ubuntu ma credo si sia scordato di dire che bisogna che quando installi ubuntu devi mettere grub2 nella partizione.
Poi installi pclos con grub-legacy nel mbr e modifichi il menu.lst come suggerito.
Cioè grub-legacy nel mbr punta a grub2 nella partizione di ubuntu e lo fa partire.

In alternativa fai il contrario cioè come ho fatto io:
- installi pclos con grub-legacy nel mbr.
- Installi ubuntu che ti sovrascrive il mbr e ci mette grub2.
- Avvii ubuntu e non ti fai prendere dal panico vedendo che di pclos non c'è più traccia (o meglio c'è ma non funziona).
- Scrivi un nuovo file in /etc/grub.d/ modificando il modello 40_custom e chiamandolo per esempio 44_pclos.
- Lo rendi eseguibile e dai il comando
# update-grub
- Incroci le dita e riavvii
Se è andata bene a questo punto puoi:
- togliere un po' di voci inutili dal menù di grub rendendo non eseguibili i file 30_os-prober e 20_memtest86+
- aprire il file /etc/default/grub per definire la distro predefinita e il timer
- non dimenticare di ridare il comando #update-grub

La strada è più contorta ma visto che è il nuovo standard tanto vale impararla da subito.

Datti una guardata anche qui:
http://wiki.ubuntu-it.org/AmministrazioneSistema/Grub

Se vuoi avere anche Seven va messo per primo, naturalmente.
Lo strano è che grub2 sembra rilevare meglio windows di pclos e io sono sempre il solito dietrologo ma la cosa mi inquieta assai.

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

Scusa Patel, dici che posso usare ancora Ubuntu 10.10 Plus-6 Remiz 32 bit
(prelevato da sito Ist. Majorana), dove è indicato per il dual-boot Windows
Ubuntu, oppure è meglio usare Ubuntu diciamo nudo e crudo preso sul sito
di Canonical ?
La prova la farei su un disco vuoto che ho, senza andare a toccare il disco con
il dual-boot Seven + Ubuntu che ho fatto ieri, così se combino qualche altra
pirlata, amen!!!
Noto anche che sul sito del Majorana si parla solo di Ubuntu in dual-boot con le
distribuzioni Windows, mai di dual-boot tra due distro linux.

P.S. Tengo a precisare che se c'è da installare o reinstallare Grub a mano non sono
ancora capace.
Toglimi una curiosità, il tuo disco di cui hai postato le caratteristiche sopra, la
gestione del multi-boot è fatta dal programma Gag ?

Ritratto di patel
Offline
Joined: 03/11/2007

Utilizza l'ubuntu che preferisci, per il resto ho detto chiaramente che utilizzo grub1 e non gag

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Avere differenti Sistemi Operativi (e differenti "distro") usando GAG come boot-manager, è cosa semplicissima.
1) Partizioni l'Hard Disk in modo acconcio (formattando anche le diverse partizioni) usando GParted (il LiveCD di GParted, intendo: non il GParted incluso in questa o quella"distro"); metti il Flag "Boot" alla prima (prima nell'ordine, intendo) Partizione Primaria. Crea le Partizioni Home all'interno della Partizione Estesa. Crea la Partizione di SWAP anch'essa all'interno della Partizione Estesa.
2) Installa, una dopo l'altra, le varie "distro" (e i vari Sistemi Operativi) che ti preme di installare; NON devi, però, dopo l'avvenuta istallazione "avviarne" NESSUNO. NON devi avviare un bel niente sino a quando non avrai terminato di installare TUTTE le varie "distro" (e i vari Sistemi Operativi);
3) in TUTTI i casi (per ciascuna "distro", dunque, DEVI installare GRUB dentro alla Partizione di ROOT della specifica "distro" (e MAI nell'MBR!)... l'MBR lascialo VUOTO (ci andrà GAG);
4) terminato di installare TUTTE le varie "distro", procedi ad installare e configurare GAG (e "salvalo" nell'MBR).
5) soltanto a questo punto (NON prima!) procedi ad avviare la prima delle "distro" che hai installato. Terminato di configurare tale "distro" a tuo piacere, di far gli aggiornamenti, etc... procedi ad avviare la seconda "distro" e far le operazioni che ritirni (aggiornamenti, configurazioni, etc...), poi fai lo stesso con la terza "distro", etc... fino a terminare tutte quante le "distro" che hai precedentemente installato.
Non conterà un bel niente, in questo modo, quale GRUB si abbia: giacché GAG è in grado di avviare sia GRUB2 che GRUB1 (e anche svariati altri boot-loader, ovviamente)...
Attualmente, io NON uso più alcuna "distro" UBUNTU (o derivate) o DEBIAN (o derivate) installandole sull'Hard Disk: uso soltanto "distro" basate su RMP (basate su Red Hat, oppure Fedora e derivate, OpenSUSE e derivate e PCLinuxOS). Ma posso dirti che, quando usavo pure UBUNTU, il metodo che t'ho dato funzionava benissimo (così come funziona adesso con le "distro" che uso... le quali, pure, hanno GRUB2 [Fedora, per esempio], il che non crea problemi).
Un'avvertenza importante: DEBIAN (come le sue "derivate" dirette) "pretende" assolutamente di installare GRUB2 sull'MBR. Per cui devi giocoforza rinunciare a DEBIAN e alle sua dirette derivate. Tuttavia, UBUNTU e le sue derivate NON presentano lo stesso problema: qui, è possibile installare GRUB anche nella Partizione di ROOT (cosa impossibile per DEBIAN, la quale rifiuta seccamente di installarsi a meno che non si scelga di mettere il suo GRUB sull'MBR). Per cui, puoi installar tranquillamente UBUNTU e le sue varie derivate.

Ritratto di patel
Offline
Joined: 03/11/2007

io ho installato Debian varie volte col grub nella partizione di root e non ho avuto mai problemi

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Non riesco a immaginare come tu abbia fatto, Patel: non che io non ti creda, sia ben chiaro, ma... ti posso garantire che io non ci sono mai riuscito (e sì che ci ho provato, te lo garantisco!), né con DEBIAN né con PAiPIX (una sua derivata "diretta")...

Ritratto di patel
Offline
Joined: 03/11/2007

non sono in grado di consigliarti perché non ho dovuto usare trucchi di alcun genere, l'ultima installata è Linux Mint Debian in partizione logica

Ritratto di zafran
Offline
Joined: 16/06/2008

L'ultima debian che ho installato è una squeeze di qualche mese fa e naturalmente non mi ricordo schermata per schermata.
Però la situazione in quel pc è proprio del grub di pclos nel mbr che lancia il grub2 di debian nella partizione.
In quel tempo remoto grub2 era dato ancora come opzionale, ora monsee lo trova come scelta obbligata, quindi le cose sono cambiate ma mi sembra impossibile che proprio debian obblighi a sovrascrivere il mbr.
Ea quoque?

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

@ Monsee
Apro una piccola parentesi,
il disco che vorrei usare per Gag in origine era di 320 Gb come riporta
l'etichetta, ora risulta di 298.08 Gb
Ne ho uno vuoto che in etichetta indica 500 Gb, ma ora risulta di 465.76
Ma la capienza degli Hd si restringe con il tempo per conto loro ? Puzzled
Chiusa parentesi!

Premetto che non ho mai usto Gag, mi sono letto vari manuali in rete, ma
in comune hanno tutti un punto debole nel non entrare chiaramente nello
specifico sull'installazione di Grub, e della sua modifica quando si va ad
installare una nuova distribuzione.
Comunque andiamo per gradi, ora ti illustro un po' per volta quello che ho
capito della procedura, tu per cortesia mi dovresti dire dove sbaglio.

Il disco che intento usare è quello diciamo da 320 Gb (298.08), dove ora c'è un
dual-boot Seven + Ubuntu 10.10
Siccome vorrei tentare con Gag di far coesistere sul disco le 3 distro:
Seven + Ubuntu 10.10 + PCLinuxOS Gnome, allora ho simulato sul disco vuoto
da 500 Gb (io userò quello da 320 ora occupato) 2 ipotesi di partizione che vedi
nelle foto sotto, dimmi per favore se va bene partizionare l'Hd in questo modo per
Gag.

N. 1: Qui per i 3 sistemi operativi ho creato una partizione Home in comune nel
formato NTFS, siccome ho letto che i dati che vengono immagazzinati in una
partizione logica NTFS possono essere letti oltre che dai sistemi operativi Windows
anche da quelli Linux.
Con Flags ho assegnato il boot alla prima distro, Seven.

Vedi foto: http://s007.radikal.ru/i300/1010/5e/9e06a060caf8.jpg

N.2: Qui per i 3 sistemi operativi gli ho creato ad oniuno una propria partizione
logica indipendente, che ho etichettato rispettivamente come Dati Seven, Dati Ubuntu,
Dati PCLinuxOS.
Con Flags ho assegnato il boot alla prima distro, Seven.

Vedi foto: http://s015.radikal.ru/i333/1010/44/fbe8c1a1fbc3.jpg

P.S. Poi in seguito ti dico come procederei per installare Grub ad ognuna delle due distro
Linux, scegliendo tra tre opzioni diverse, Smiling ..... per adesso ciao e Grazie!!!

Ritratto di patel
Offline
Joined: 03/11/2007

da wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Gigabyte
i costruttori di hd utilizzano l'unità di misura :
1 gigabyte = 1000^3 byte = 1 miliardo di byte, i sistemi operativi invece utilizzano :
1 gigabyte = 1024^3 byte
per cui un hd da 500 Gb dichiarati dal costruttore in effetti è da 500/1,024^3 = 465.66 Gb
se ci togli il 5% occupati dal filesystem ottieni circa 443 Gb utili.


Qui per i 3 sistemi operativi ho creato una partizione Home in comune nel
formato NTFS ....

se per home intendi una partizione dati OK, ma se intendi veramente /home non puoi farla ntfs perché non supporta i permessi

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Per quel che attiene le tue perplessità circa le divergenze fra la "capienza dichiarata" e la "capienza effettiva" degli Hard Disk, vedo che il nostro Patel ha già ottimamente risposto, sicché presumo che la cosa ora sia più chiara.
Per quel che attiene l'utilizzo di GAG, un poco mi stupisce che tu nutra perplessità, giacché ricordo di averlo spiegato (con tanto di immagine esplicativa) quando ancora andavo su Aiutamici e, inoltre, esiste una pagina Web che spiega abbastanza bene come si deve usare GAG. Per l'esattezza, è la pagina seguente: http://www.pietrodigiorgio.it/571/gag-il-boot-manager-per-windows-linux-... (qui viene suggerito di installare GAG da CD o dall'Ultimate BootCD: assai preferibile, a parer mio, è installarlo da Floppy-Disk, giacché in questo modo è anche possibile ripristinare l'MBR antecedente in caso di bisogna... bisogna che, però, nei due anni da cui uso GAG, non mi si è mai minimamente presentata).
Comunque, se hai domande o perplessità, chiedimi pure e cercherò di chiarircome stanno le cose. Per quello che concerne gli "aggiornamenti di versione" (quando ci sarà da effettuarli), GAG li incamererà automaticamente (non ci saranno, perciò, problemi di sorta all'avvio successivo). Insomma, se hai PCLinuxOS 2010 Gnome e aggiorni alla versione successiva (poniamo si chiami PCLinuxOS 2011 Gnome), devi semplicemente spianare la Partizione di ROOT di PCLinuxOS 2010 Gnome (cosa che fa l'installatore in automatico quando si formatta) e quindi installarci dentro PCLinuxOS 2011 Gnome... facendo bene attenzione, però, a porre il GRUB di PCLinuxOS 2011 Gnome dentro alla Partizione di ROOT!... Facendo questo, GAG sarà automaticamente (e senza dover far nulla) in grado di avviare il nuovo PCLinuxOS Gnome premendo l'identico tasto (l'identico numero, intendo) che utilizzavi prima a tale scopo.
Diversa è la questione se cambi i Sistemi Operativi (esempio: spiani UBUNTU e lo sostituisci con Fedora): in questo caso, dovrai, dopo l'installazione del nuovo Sistema Operativo, reinstallare anche GAG, impostando la nuova configurazione e salvando il tutto sull'Hard Disk (esattamente come se installassi GAG per la primissima volta). Così facendo, sovrascriverai la precedente configurazione e avrai di nuovo il tuo PC perfettamente funzionante.
Per quanto attiene ai due Partizionamenti che proponi, mi par migliore il primo (quello senza la Home), ma devi rammentare di creare una specifica cartella (vuota) nella Partizione DATI (quella in NTFS) per ciascuna 2distro" da te installata, dentro la quale salvare la Cartella Home di ciascuna specifica "distro" subito prima di effettuare l'aggiornamento di versione. In questa maniera, dopo aver effettuato l'aggiornamento di versione, potrai copiare la Cartella Home salvata, sovrascrivendo quella nuova, e riottener le personalizzazioni da te apportate in precedenza.
Se vuoi creare le Partizione Home separate, invece, ti conviene crearle tutte dentro alla Partizione Estesa, una dietro all'altra (e non "intervallate" da Partizioni di ROOT).

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

@ Monsee
Ho modificato lo schema di partizione N.2 che avevo postato sopra, che sarebbe
quello che vorrei usare, apportando le modifiche che suggerivi, sperando di aver
fatto giusto, vedi foto sotto!

http://s009.radikal.ru/i310/1010/c5/c5eb673e9e7c.jpg

Premetto che il mio Pc per ora non è dotato di lettore Floppy-Disk, quindi dobbiamo
scartare a priori l'istallazione di Gag con questo genere di supporto.

Monsee, so che mi avevi spiegato la procedura di Gag mesi fa su Aiutamici, ma
il punto dolente dove mi sono incagliato è dove inserire con precisione Grub nella
partizione, e il modo pratico di procedere con questa operazione.
Nel frattempo complice anche la rottura del cassetto del pc, che ora ho sostituito con
uno nuovo, mi sono letto in giro parecchia roba su Gag, ma in pratica ci ho capito poco
su questo punto.
Ora spiego quel poco che ho capito su questo punto fondamentale, per cortesia correggimi
dove sbaglio e dove non so procedere.

Prendendo come esempio la partizione ultima che ho postato sopra:

*Dove mettere Grub:

-Il Grub di Ubuntu va inserito nella sua root, chiamata anche partizione d'avvio, (radice / )
Quindi in: /dev/sda/3

-Il Grub di PCLinuxOS va inserito nella sua root, chiamata anche partizione d'avvio, (radice / )
Quindi in: /dev/sda5

*Come procedere per mettere fisicamente Grub nella sua giusta Root:

Per il Grub di Ubuntu:
Apro il terminale semplice $ inserisco “sudo su” così diventa “root” #

-Ora inserisco la stringa: grub-install --root-directory=/ /dev/hda3

Domanda: La stringa che ho postato è giusta ? Puzzled

-In alternativa per installare Grub: In fase d'istallazione del sistema operativo, quando arrivo
alla schermata del riassunto delle operazioni che saranno compiute, prima dell'inizio dell'installazione
ovvero, prima della copia dei files dal cd di Ubuntu nella partizione /dev/sda3, premo il pulsante "Avanzato"
in basso a destra della finestra di riassunto (vedi foto sotto)
Scelgo come partizione di destinazione di grub: /dev/sda3

Foto: http://s016.radikal.ru/i334/1010/74/7aff9571975f.jpg

*Per il Grub di PCLinuxOS: Apro il terminale “root” #

-Ora inserisco la stringa: Qual è la stinga per PCLinuxOS ? Puzzled

- In alternativa per installare Grub: In fase d'istallazione del sistema operativo, quando arrivo alla
schermata del riassunto delle operazioni che saranno compiute, prima dell'inizio dell'installazione
ovvero, prima della copia dei files dal cd di PCLinuxOS nella partizione /dev/sda5

Posso procedere con un sistema simile a quello descritto sopra per Ubuntu, ovviamente scegliendo
in questo caso come partizione di destinazione di Grub: /dev/sda5 ? Puzzled
Grazie!!!

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Sarebbe di gran lunga preferibile mettere la Partizione di ROOT di PCLinuxOS immediatamente dietro a quella di UBUNTU, che a sua volta segue quella dedicata a Windows Seven. Tutte, Partizioni Primarie, ma quella di Windows Seven anche col Flag di "boot". Personalmente, anzi, meterei le cose all'incirca così:
1) Partizione dedicata a Windows Seven (primaria e col flag di Boot), in NTFS;
2) Partizione di ROOT di PCLinuxOS (primaria), in ext4;
3) Partizione di ROOT di UBUNTU (primaria), in ext4;
4) Partizione Estesa, contenenteEEE;
5) Partizione di SWAP (comune a tutte le "distro" installate), Logica, formattata come SWAP;
6) Partizione HOME di PCLinuxOS, Logica, formattata in ext4;
7) Partizione HOME di UBUNTU, Logica, formattata in ext4;
8 ) Partizione DATI di Windows Seven, Logica, formattata in NTFS.
Il GRUB di PCLinuxOS deve essere messo nella Partizione di ROOT di PCLinuxOS.
Il GRUB di UBUNTU deve essere messo nella Partizione di ROOT di UBUNTU.
In nessuno dei due casi serve affatto usar la "riga di comando": si può scegliere di porre GRUB nella Partizione do ROOT di UBUNTU direttamente nel corso dell'installazione di UBUNTU (in piena modalità grafica, dunque) e, più precisamente, in quella fase dell'installazione in cui si sceglie, prima, dove installare la ROOT e dove installar la HOME. C'è un "pulsante" apposito (che adesso non rammento come diavolo si chiami) che consente di selezionare la Partizione di ROOT di UBUNTU (in luogo dell'MBR) quale destinazione in cui installare GRUB (GRUB2, in questo caso, ma... ciò non fa differenza). Mi par di rammentare (ma non ne son certissimo) che ci sia modo, in questa fase, anche di scegliere il "tempo di attesa" da impostare prima dell'avvio "di default" e anche ci sia modo di eliminare le voci attinenti agli altri Sistemi Operativi presenti (in questo caso, PCLinuxOS e Windows Seven).
Soltanto DOPO che avrai selezionato la Partizione di ROOT come luogo di destinazione di GRUB, potrai cliccar per iniziare la parte effettiva (quella pratica concreta) dell'installazione.
Nel caso di PCLinuxOS vale un analogo discorso (con l'unica differenza che la fase in cui si scegli dove installare GRUB è quella immediatamente successiva all'effettiva installazione di ROOT e HOME). Anche in questo caso, dunque, NON serve agir da "riga di comando": dopo l'installazione della ROOT (e della HOME, se viene installata pure lei come in questo caso), al passo successivo è di scena l'installazione di GRUB. Quello che devi fare, a quel punto, è scegliere esattamente DOVE vuoi sia installato (nel caso tuo: nella Partizione di ROOT di PCLinuxOS), eliminare le voci attinenti agli altri due Sistemi operativi presenti (ossia, quelle attinenti ad UBUNTU e a Windows Seven) e, inoltre, scegliere il tempo d'attesa "di default" prima che la "distro" venga effettivamente avviata (io, in genere, metto un tempo -secondo i casi e l'umore del momento- di 4 oppure 5 oppure 6 secondi). Solo dopo aver fatto questo, potrai procedere con l'effettiva installazione di GRUB.
Riassumento: poniamo che la Partizione di ROOT di PCLinuxOS sia in sda2 e che la Partizione di ROOT di UBUNTU sia in sda3, devi installare il GRUB di PCLinuxOS in sda2 e quello di UBUNTU in sda3.

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

@ Monsee
Ho rifatto le partizioni del disco come mi hai indicato, vedi per cortesia se questa volta ho fatto giusto.

http://s014.radikal.ru/i327/1010/5e/ab680ca6dd55.jpg

In caso dovessi rimuovere GAG dall'Hd, come devo procedere ?
Devo forse prima riscrivere i contenuti dell’MBR, come si fa con le installazioni dual-boot, realizzate senza
l'ausilio di GAG ?
Ciao e Grazie!

P.S. Monsee, avrai notato che quel mascalzone che vende orologi è ritornato ad infestare di messaggi
il nostro forum, come aveva già fatto alcuni mesi fa, speriamo che non causi la chiusura definitiva del
forum. Shocked

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Immagino che cancelleranno i messaggi in inglese di quel tipo e poi il Forum procederà come prima... Quello che conta davvero è che noi si seguiti ad usare questo forum sempre in maniera amichevole e corretta.

La nuova immagine che hai postato è corretta, ma ti invito a NON far delle Partizioni uguali fra loro (non fare tre Partizioni [le due Home e la Seven Data] tutte identiche da 50 Gb: falle ciascuna di una dimensione differente [e cerca di far sì che la più grande sia quella di Seven Data]). Una Partizione HOME che sia di circa 16-19 Gb dovrebbe andare più che bene (magari, fai la HOME relativa a PCLinuxOS di 16 Gb e quella relativa a UBUNTU di 19 Gb, lasciando lo spazio così risparmiato alla partizione Seven Dati). Analogamente, per le Partizioni di ROOT, scegli grandezze diverse: diciamo sui 39 Gb per PCLinuxOS e sul 36 Gb per UBUNTU. In questa maniera, avrai facilmente modo di riconoscere le differenti partizioni anche "a colpo d'occhio" sulla base della loro pura e semplice grandezza (cosa che può tornare utilissima, ad esempio, vuoi in fase di installazione delle "distro", vuoi in fase di installazione e configurazione di GAG).
Per rimuovere GAG o cancellare e cambiare le impostazioni di GAG puoi usare GAG medesimo, ma... NON potrai ripristinare la situazione precedente del tuo MBR a meno che non si installi GAG da floppy-disk.
Per cui, fare un backup del tuo MBR per poter, poi, in caso serva, ripristinarlo, può essere assai utile (io non l'ho fatto mai, ma io uso un floppy-disk per installare o per modificare GAG, dunque non ne ho bisogno).
Comunque sia, per fare fuori GAG, basta sovrascrivere l'MBR. Dubito assai, comunque, che vorrai eliminarlo: è molto comodo.

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

Salve amici!
Ieri sera ho iniziato i lavori per rimuovere dal disco da 320 Gb il dual-boot
Windows 7 + Ubuntu 10.10 Plus-6 Remix 32 bit, per mettere poi GAG.
Ho seguito la procedura che c'è illustrata sul sito dell'istituto Majorana, esattamente:
“Disinstallare Ubuntu da PC con Windows Vista o 7"
Link: http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id...

Tale procedura permette il “ripristino MBR di windows 7” in modo tale che al riavvio funzioni solo
Windows 7, mentre Ubuntu non viene più visto dal sistema, anche se è ancora presente sul disco, poi
tramite GParted Live Ubuntu viene rimosso anche fisicamente lasciando operativo solo Windows 7.
Io prima ho iniziato con una delle procedure che ci sono nella pagina del link che ho postato sopra:
“Disinstallare Ubuntu utilizzando il Dvd di Windows 7 (o vista)”
Arrivato al punto cruciale mi diceva che erano ancora collegate al pc delle periferiche Usb, cosa assolutamente
non vera, le avevo scollegate tutte a pc spento prima di iniziare.
Ripetuta la procedura varie volte ma sempre con il medesimo risultato negativo.
Sempre dalla pagina citata, passo alla procedura: “Disinstallare Ubuntu utilizzando Ubuntu”
Seguo la procedura alla lettera, sembra che sia filato tutto liscio, ma al riavvio del computer non si apre
Windows 7, ma compare una schermata nera con la seguente scritta: “Missing operating system”
Riaccendo varie volte ma niente da fare compare solo la scritta su schermo nero, allora entro con GParted
e rimuovo il cadavere di Ubuntu Plus-6 Remix 32 bit, eliminando anche la partizione dove era installato,
lasciando invece al suo posto Windows 7.
Riaccendo varie volte il pc ma Windows 7 non si apre, compare sempre la ma maledetta scritta.
Alla fine piallo pure Windows, poi lo reinstallo convinto che non essendo andato a buon fine prima il ripristino
dell'MBR di windows 7, Seven non avrebbe funzionato, invece va come un treno.
Scusate ma secondo voi le procedure che ho pescato da quel sito sono valide ? Puzzled
Perché non capisco come mai non si avviava Windows dopo la rimozione di Ubuntu, in teoria se avessi
commesso degli errori, una volta reinstallato da capo Windows 7 non avrebbe dovuto più funzionare
neanche a piangere.

Ritratto di patel
Offline
Joined: 03/11/2007

bastava installare su Win easybcd, software che permette di ripristinare il mbr col bootloader di win.

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Non so che dirti, Genchi: non ho più installato UBUNTU (né intendo farlo in futuro, a dirla tutta) dopo la versione 8.04 (oggi, 8.04.4, comunque obsoleta) che era abbastanza valida. La successiva 8.10 già non m'è piaciuta, per cui ho proprio abbandonato UBUNTU e buonanotte...
Presumo (per la serietà che debbo riconoscere al professor Antonio Cantaro, data l'enorme mole di ottimo lavoro da lui scolta) che le sue istruzioni siano valide. Ma può essere che qualche personalizzazione da te introdotta... oppure qualche particolarità relativa all'hardware specifico di cui disponi, abbia dato la stura a quelle difficoltà specifiche che hai riscontrato.

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

Smiling Ciao Monsee!
Sono andato a ripescare Ubuntu solo per poter fare le chiavette Usb multi-boot, perchè
farle da terminale con PCLinuxOS è troppo complicato per un principiante come il sottoscritto.
Io ho scaricato la versione di Ubuntu 10.10 Plus-6 Remix 32 bit, ma mi va addirittura
peggio della versione 10.04 nuda e cruda che avevo installato da dischetto originale, prima
di passare a PCLinuxOS.
Con questa 10.10 non c'è sistema di masterizzazione che funzioni, chiavette Usb molte
non funzionano, mentre le stesse vengono riconosciute senza problema da altre distro, vari
altri programmi che non funzionano o funzionano malamente.
Oggi mi è arrivato a casa il dischetto di Ubuntu 10.10 che avevo richiesto a Canonical, proverò
questo che non è farcito, come invece era la versione che avevo scaricato dal sito del Majorana.
Mi sto guardando in giro per trovare una distribuzione stabile da affiancare a PCLinuxOS, ci sarebbe
“Red Hat” che dicono sia molto stabile, ma è a pagamento, quindi la devo escludere immediatamente,
però volendo si potrebbe virare su “CentOS” la sua versione free.
Resta da capire se sia di facile uso, se poi per caso permette pure di realizzare senza troppe
complicazioni chiavette Usb multi-boot, meglio ancora!

P.S. Recentemente ho provato sul catorcio la nuova distro VectorLinux 6.0 Soho Edition, dove
dopo una prima incertezza perché non avevo capito che andavano usati 2 dischetti d'installazione
(non mi era mai capitato), io ne avevo masterizzato solo uno, alla fine risulta più facile da installare
di VectorLinux Standar Edition Gold, peccato che al riavvio non si apra, la riproverò sul pc più decente.
Le distribuzioni di VectorLinux mi piacciono molto, un vero peccato la mancanza di un forum di supporto
in italiano.

Ritratto di Genchi
Offline
Joined: 26/06/2010

Accidenti non conoscevo "Easybcd", adesso l'ho scaricato e salvato su chiavetta Usb.
Patel, Grazie per la dritta! Eye-wink

Ritratto di monsee
Offline
Joined: 16/09/2009

Personalmente, uso affiancare a PCLinuxOS o Windows (in questo caso, installo solo Windows e PCLinuxOS e metto il GRUB di quest'ultimo direttamente su floppy-disk) oppure con altre "distro" di tipo RPM (in questo caso, installo, di norma, tre "distro"... e uso GAG come boot-loader).
Vector-Linux è una derivata di Slackware. Si tratta di una bella "distro" (fra l'altro è l'unica, oltre a PCLinuxOS, che consenta di installare il suo GRUB direttamente dentro a un floppy-disk e poi di funzionar regolarmente). Il suo difetto -il solo- è che è stata rilasciata ormai da un po' di tempo... viene tenuta abbastanza aggiornata, tuttavia, per cui funziona bene, ma non la si può definire certo "modernissima". A parte questo, c'è il fatto aggiuntivo (forse, un problema solo mio) che non mi è riuscito di scovare un qualche ClamAV (più l'interfaccia grafica correlata) che fosse installabile in Vector-Linux.
In quanto a Red Hat, esistono due "distro" (gratuite) basate entrambe su Red Hat Enterprise: si tratta di Scientific Linux (che io amo chiamare "SciTux") e di Scientific Linux Fermi (derivato dal precedente e che io amo chiamare "FermTux"). Entrambi sono stabili e affidabili. Nessuno dei due punta a dimostrarsi "sempre superaggiornato" e nessuno di loro punta a dare agli Utenti una bella grafica (si punta all'efficacia pura e semplice, senza dare importanza alcuna al lato estetico). In ambo i casi, per esempio, il KDE disponibile è ancora la versione 3.5.9...
Personalmente, uso SciTux e FermTux regolarmente.
CentOS l'ho provato, una volta, ma non mi è piaciuto minimamente (è una "distro", comunque, che consente di fare molto bene "virtualizzazione"... un campo che esula completamente dagli interessi miei).
Un'altra valida "distro" basata su RPM (basata su Red Hat, per l'esattezza) è FEDORA. Di essa esiston diverse varianti (le cosiddette "Spin"), sulla base del desktop-manager adottato (a scelta fra KDE, Gnome, XFCE, LXDE), sulla base dell'utilizzo (una "spin" votata all'utilizzo "educazionale", all'installazione su pen-drive e all'utilizzo e in ambito scolastico) o sulla base della sua destinazione (una "spin" interamente dedicata al "disegno tecnico elettronico"; una "spin", con desktop-manager Gnome, volta al "design"; e una "spin", con desktop-manager LXDE, volta interamente alla Security e all'informatica forense).
Valida pure, inoltre, è OpenSUSE (originariamente basata su Slackware, ma ormai molto lontana dalle origini e, dunque, indipendente). Anche qui, son disponibili alcune varianti. Secondo il desktop-manager (KDE [che non mi è piaciuta affatto, a dire il vero], Gnome, XFCE [non m'è piaciuta manco lei] e LXDE). Inoltre, c'è una versione "Educational" davvero molto buona.
Infine, ti segnalo SAMity (che usa XFCE quale desktop-manager): si tratta della nuova versione di una "distro" di origine teutonica -che prima si chiamava SAM Linux,- derivata da PCLinuxOS (la mia impressione è che stia a PCLinuxOS un po' come Mint sta ad UBUNTU).
Personalmente, uso SciTux e FermTux, OpenSUSE (Gnome, LXDE e Educational) e Fedora (XFCE, Security e Design). Naturalmente, uso anche SAMity.